top of page
Cerca
  • Immagine del redattoreMario Cavigioli

Hai bisogno di un piano aziendale, non di un "aereo d'affari".

Aggiornamento: 12 lug 2021

La semplicità è il segreto di sempre, per una verità profonda, per fare qualsiasi cosa si faccia: per scrivere, per dipingere. La vita è profonda nella sua semplicità. (Charles Bukowski)

Fra le prestazioni spot che posso svolgere per una azienda c’è BUSINESS PLAN, ovvero la realizzazione di un piano aziendale idoneo a verificare i numeri di una nuova azienda o di un nuovo business, necessario eventualmente anche per rappresentare questi numeri alle banche.


Un’alternativa al mio lavoro è che l'imprenditore, a volte neo-imprenditore, acquisti e utilizzi da solo uno di quei programmi predefiniti per tipologia di attività, come quello che l’altro giorno ha provato ad utilizzare una persona prima di rivolgersi a me, programmi assolutamente utili, ma che non sempre sono efficacemente utilizzati.


Si trattava di creare un BUSINESS PLAN per una piccola nuova attività di servizi alla persona (investimento complessivo meno di 90 mila euro, finanziamento (agevolato) richiesto meno di 60 mila euro) e ne è scaturito un elaborato di 118 pagine, ricco di tabelle vuote e ridondanti grafici a colori.


Il "ragionamento” base che invece ho fatto io per la stessa azienda, da completare poi con qualche argomento non numerico, è stato di 2 pagine, fronte e retro: piano degli investimenti Fonti/Impieghi e proiezioni economiche a 5 anni su Conto Economico comunque personalizzato.


La differenza l'ha fatta ovviamente il valore della mia esperienza professionale e la mia propenzione a creare strumenti il più possibile personalizzati e "fruibili" (in termini di comprensione) da parte dell'impresa. Ovviamente questo è un esempio estremo perché business più complessi sono comunque affrontati con maggior dettaglio anche da parte mia.


Con quale dei due strumenti credete sia più semplice spiegare (o governare) il business in una micro impresa come quella in questione? Lascio a Voi la risposta ...


Ironizzando e facendo il parallelo con un frequente errore, soprattuto di pronuncia dall'Inglese, vi chiedo quindi di rammentate che io posso fare BUSINESS PLAN (pron: plæn) "piani d’azienda" e non BUSINESS PLANE (pron: pleɪn), "aerei d’affari", perché non saprei come altro definire l'output da 118 pagine che ho citato prima, un cargo volante pieno di numeri dove trovare una vera utilità e come cercare un portafoglio nella stiva di un Antonov An-124 stipato con 120 tonnellate di bagagli.


Buon business a tutti.


Mario Cavigioli MCMANAGEMENT


48 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


Post: Blog2_Post
bottom of page